Odio dignissimos blanditiis qui deleni atque corrupti.

Begin typing your search above and press return to search. Press Esc to cancel.

Fontaines D.C. @ Parco della Musica

• Fontaines D.C. •

Parco della Musica (Padova) // 16 Agosto 2022

In un caldissimo post-Ferragosto, il Parco della Musica di Padova si prepara ad accogliere un altro dei live act più attesi dell’estate. Fra coloro che furono decretati come eroi del Primavera Sound, figurano gli irlandesi Fontaines D.C. che con il loro post punk acido e chitarroso fanno parlare di sé da diverso tempo. L’esordio musicale risale al pre-pandemico 2019 con Dogrel, disco che aveva fatto scoprire la formazione dublinese al pubblico dell’underground internazionale. Si intuiva già all’epoca la portata del suono della band, un post punk frastornato, disordinato, giovane ma metodico. Con A Hero’s Death del 2020 che le cose cambiano e i Fontaines raggiungono un “loro suono”, una formula rivisitata di indie rock con virate darkwave, ricca di schitarrate e riff incalzanti. Due anni dopo, Skinty Fia, che in slang irlandese è una specie di maledizione che ha a che fare con i cervi, accompagna la band nel tour 2022 mentre ottiene ottime recensioni sulle maggiori testate. Nonostante ritenga A Hero’s Death il miglior lavoro della band, la prova del nove resta sempre il live e questo ci porta a Padova.

Dall’apertura dei cancelli è tutto un via vai di gente che non vede l’ora di sentire Grian Chatten e i suoi dal vivo: c’è chi li vede per la prima volta, chi li torna a vedere perché “al Primavera sono stati una bomba”, chi li vuole vedere perché ci vede i nuovi Gang Of Four o giù di lì, chi è travolto dall’hype di questi nuovi eventi post-covid e chi i live li segue e basta. L’atmosfera dunque si crea ben prima del concerto e nonostante le lunghe attese per cibi e bevande (vi ricordate quando ci si ammassava tutti insieme appassionatamente per una birra?) il fermento è palpabile.

Non avevo mai visto i Fontaines dal vivo né avevo guardato i video live prima del concerto proprio perché volevo fosse tutto una sorpresa. La cosa che mi lascia un po’ basito è l’allestimento del palco, sopra cui vedo diverse installazioni con decori floreali e la targa con il nome della band che svetta sopra le americane. Per un pregiudizio del tutto positivo aspettavo di trovare un palco più sobrio, più scarno, ma sono fiducioso e non bado ai contorni. Alle nove e mezza, con estrema puntualità, i Fontaines D.C. salgono tutti insieme sul palco accolti dalle grida e dagli applausi dei presenti che nel frattempo si erano ammassati per accaparrarsi il posto più vicino. I cinque ragazzotti irlandesi piacciono subito per la loro aria simil-trasandata e i loro outfit decisamente discutibili ma funzionali allo scopo. L’evoluzione estetica dell’hipster si riassume nel riscoprire i capi in disuso dei propri padri per metterseli addosso senza far caso alle conseguenze degli accostamenti e i Fontaines in questo sono maestri.

Lo show si apre prevedibilmente con la prima traccia dell’ultimo album, In ár gCroíthe go deo, che viene cantata e seguita da tutti. I cinque si destreggiano un po’ goffamente sul palco dove cercano di dimenarsi senza dare troppo nell’occhio. La pecca che fin da subito notiamo è l’equalizzazione del suono dove vengono premiati i bassi mentre l’impatto dei Fontaines spinge tutto negli alti. La folla è comunque molto partecipe e c’è chi si agita, chi urla e chi balla. Neanche a dirlo, da sotto, è il trionfo degli smartphone complice anche la nutrita schiera di fan new-generation presente ma che non è comunque la parte più ampia del pubblico. La scaletta prosegue con una buona scelta fra i pezzi che ottengono tutti un’ottima accoglienza ma mentre seguiamo le chitarre le mille luci ed effetti che provengono dalle installazioni montate sul palco disturbano l’armonia. Che una band divenuta ormai mainstream abbia bisogno di portare sul palco uno show che vada oltre l’abilità musicale è scontato e comprensibile, tuttavia l’accostamento fra il tono musicale dei nostri eroi e le luci da sala giochi (compresa l’insegna Fontaines D.C. che lampeggia) spesso cozzano.

Il concerto risulta gradevole nonostante i ragazzi sul palco non siano delle eccellenze musicali e tantomeno performative, però diamo loro il bonus della gioventù e del primo riconoscimento e successo a livello di performance, per cui li seguiamo e anzi li incoraggiamo come possiamo. I brani vanno e vengono con allegria, Sha Sha Sha dal primo disco, ottiene molti cori e viene subito intonata dalle prime file così come avviene con la successiva Roman Holiday dell’ultimo. Protagonista dello show è il nuovo disco che nonostante i tentennamenti e alcuni attacchi non troppo felici, convince per la portata che ha. Non sempre i Fontaines sono all’altezza di loro stessi su disco ma c’è tempo e le occasioni per migliorarsi non mancano mai.

Con A Hero’s Death, per cui partono le ovazioni, la band ci saluta e lascia il palco per la consueta tradizione che precede l’encore. Fin qui tutto bene se non fosse che l’insegna Fontaines D.C. si illumina con i colori della bandiera italiana, un’idea pacchiana e decisamente fuori luogo. I ragazzi non demordono e nonostante la figuraccia estetica ritornano per suonarci gli ultimi tre pezzi prima di mandarci a letto, nell’ordine Skinty Fia, Boys in the Better Land e la conclusiva I Love You.

Se escludiamo gli outfit (il cui cattivo gusto si ritrova anche nel merchandising), le tamarrate decorative e una non sempre stabilità musicale, i Fontaines D.C. vengono approvati dal pubblico del Parco della Musica che li saluta come nuovi interpreti del post punk. Si spera abbiano ancora molto da dire ma soprattutto molto da suonare.

 

Fernando G. Maistrello

foto di Siddharta Mancini

Grazie a Comcerto

Leave a comment

Add your comment here